Gladiatore Velita -Veles

Il gladiatore  leggero che presento  in questo articolo è una miniatura della Crusader Miniatures, la Crusader ha in catalogo una serie molto interessante dedicata agli antichi gladiatori, sono pezzi in metallo della scala in 28mm. Come sempre ho prima ripulito il pezzo con della carta abrasiva e un cutter ben affilato, quindi ho incollato la miniatura su di una basetta tonda del diametro di 20mm, sulla medesima basetta ho incollato con della colla vinilica della sabbia da modellismo; asciugata la base ho passato una mano di primer spray nero. Successivamente ho steso i colori di base : blu (perizoma o subligaculum), carnicino (parti del corpo scoperte),sabbia (protezione gambe e piume elmo) cuoio (cintura), oro scuro (elmo e elsa arma),sabbia (terreno), grigio scuro (piume elmo), metallo brunito (punte lancia e lama arma) marrone scuro ( asta lancia ); a questo punto ho dato due differenti lavaggi in successione, prima un lavaggio color seppia e in seguito un lavaggio con inchiostro nero.

Nella fase delle lumeggiature ho stemperato le tinte base con delle tonalità più chiare aggiungendo anche una punta di bianco; per le ombreggiature invece ho utilizzato colori più scuri aggiungendo in alcuni casi anche del grigio di Payne. Per il terreno ho utilizzato la tecnica del pennello a secco o Dry Brush passando varie mani di color sabbia sempre più chiaro.

Veles,miniatura 28 millimetri, metallo della Crusader Miniatures,pittura giallinovagabondo
Veles,miniatura 28 millimetri, metallo della Crusader Miniatures,pittura giallinovagabondo
Veles,miniatura 28 millimetri, metallo della Crusader Miniatures,pittura giallinovagabondo
Veles,miniatura 28 millimetri, metallo della Crusader Miniatures,pittura giallinovagabondo
Veles,miniatura 28 millimetri, metallo della Crusader Miniatures,pittura giallinovagabondo
Veles,miniatura 28 millimetri, metallo della Crusader Miniatures,pittura giallinovagabondo
Veles,miniatura 28 millimetri, metallo della Crusader Miniatures,pittura giallinovagabondo
Veles,miniatura 28 millimetri, metallo della Crusader Miniatures,pittura giallinovagabondo

 

Fonti Uniformologiche :

Stephen Wisdom – Gladiators – 100BC_AD 200- Osprey serie Warrior 39

Federica Guidi – Morte nell’arena- storia e leggenda dei gladiatori; Oscar Storia Mondadori

Imperial Wizard

Il mago che dipingerò oggi è una miniatura appartenente al gioco Warhammer Fantasy Battle, in particolare è un mago imperiale, il mago era contenuto in un blister comprendente sia la versione appiedata che quella a cavallo, il pezzo è in 28mm in metallo.

Oggi mi occuperò del mago in versione appiedata, la sua versione equestre sarà trattata prossimamente.

Per prima cosa ho ripulito il pezzo da tutte le sbavature prodotte dalla fusione, questo avvalendomi di un cutter e lisciando poi il tutto con della carta abrasiva molto fine; terminata questa prima fase preparatoria ho incollato il mago su di una basetta in plastica quadrata 20×20 mm , poi ho incollato della sabbia sulla basetta e del sughero per simulare le rocce. Ho atteso un giorno che la colla asciugasse quindi ho spruzzato su tutto del primer spray nero.

Sono passato a stendere i colori di base : rosso scuro (veste superiore), blu scuro (veste inferiore),Viola bluastro (mantello), blu medio (lama spada e cappello), nero (bastone mago e libro incantesimi), azzurro (sfera bastone) oro rosso (finiture abito, fregi bastone,elsa spada, finiture libro,cintura,chiavi,fregio cappello), carnicino scuro (viso e mani) grigio medio (barba); su tutto il pezzo poi ho fatto un lavaggio con inchiostro seppia prima e asciugato questo con dell’inchiostro nero molto diluito.

Nella fase di pittura ho sfumato i colori base con tonalità più chiare aggiungendovi anche punte di bianco, per le ombreggiature invece ho aggiunto del grigio di Payne. Per il terreno ho utilizzato la tecnica del dry brush stendendo varie mani di sabbia sempre più chiaro arrivando alla fine col del bianco puro, terminata la pittura ho dettagliato il tutto aggiungento erba e cespugli sintetici da modellismo.

Imperial Wizard, miniatura in metallo 28mm Games Workshop, pittura giallinovagabondo
Imperial Wizard, miniatura in metallo 28mm Games Workshop, pittura giallinovagabondo
Imperial Wizard, miniatura in metallo 28mm Games Workshop, pittura giallinovagabondo
Imperial Wizard, miniatura in metallo 28mm Games Workshop, pittura giallinovagabondo
Imperial Wizard, miniatura in metallo 28mm Games Workshop, pittura giallinovagabondo
Imperial Wizard, miniatura in metallo 28mm Games Workshop, pittura giallinovagabondo

 

Bastione Imperiale per Warhammer 40,000

Questo è il primo di una serie di articoli che ci permetteranno di costruire con poca spesa ed elementi riciclati una fortificazione da utilizzare nel gioco Warhammer 40,000 . In commercio esistono dei bellissimi complementi creati dalla Games Workshop ma il gusto di crearne uno partendo da pochi pezzi di scarto è impagabile!!

Parte fonfamentale del corredo di ogni modellista è una scatola di pezzi inutilizzati o presi da vecchi kit rovinati o rotti..

pezzi provenienti da diversi kit, scarti di lavorazione o riciclati
pezzi provenienti da diversi kit, scarti di lavorazione o riciclati

Come base della fortificazione ho preso un elemento in polistirolo che serviva come blocco nell’imballo di una stampante, la sua forma mi ricordava delle strutture fortificate e alcune scanalature potevano benissimo essere utilizzati come camminamenti, la scala era perfetta , quindi mi sono dedicato alla scelta degli ulteriori elementi da applicarvi.

Blocco in polistirolo utilizzato come struttura portante per la fortezza
Blocco in polistirolo utilizzato come struttura portante per la fortezza
pezzi scelti per la costruzione della fortezza
pezzi scelti per la costruzione della fortezza
prove di posizionamento
prove di posizionamento

Dopo aver scelto i primi pezzi che comporranno la struttura ho cominciato ad incollare il pezzo in polistirolo su di una base in cartoncino, incollandovi pure del sughero per simulare delle rocce, terminata questa prima fase e attesa l’asciugatura della colla potremo dedicarci alla preparazione del terreno che sarà spiegata nel secondo articolo.

posizionamento della struttura su una base in cartoncino
posizionamento della struttura su una base in cartoncino
particolare della base della struttura
particolare della base della struttura

Moschettieri Scots Covenanters

Questo ulteriore articolo su come realizzare  un reparto di soldati scozzesi di fanteria del periodo della Guerra Civile Inglese, riguarderà due moschettieri .Le miniature sono  in plastica e fanno parte del box  SCOTS COVENANTERS commercializzato dalla britannica Warlord Games per il regolamento ‘Pike & Shotte’. Nella confezione sono inserite ben 40 miniature così suddivise : 24 moschettieri, 12 picchieri, 1 capitano, 1 portabandiera,1 sergente, 1 suonatore di cornamusa; tutti i pezzi sono in plastica ad esclusione del gruppo comando.

Dopo aver ripulito dalle scorie derivate dalla fusione la miniatura (utilizzando un cutter e carta abrasiva finissima), ho incollato i moschettieri su di una base quadrata 20×20 mm, aggiungendovi anche della sabbia da modellismo ferroviario. A questo punto sui pezzo ho spruzzato del primer nero spray,quindi dopo l’asciugatura ho steso i primi colori di base. Come colorazione del reggimento ho scelto quella classica grigio ferro per giubba e pantaloni (erano possibili altre scelte molto più colorate).,cuoio per buffetterie e fodero spada ,marrone scuro scarpe,panna colletto camicia,maniche,calze, azzurro grigiastro per il berretto,carnicino base per viso e mani, per il terreno ho utilizzato un verde oliva.

A questo punto ho dato un lavaggio con inchiostro nero ai soldatini e un seppia al terreno.

Nella fase della lumeggiatura ho schiarito il grigio ferro di base aggiungendo del grigio chiaro; per il cuoio ho utilizzato del giallo ocra , per il panna invece del bianco; le ombreggiature le ho fatte mischiando ai colori base del grigio di Payne. Il viso e le mani le ho lumeggiate aggiungendo al carnicino base del giallo brillante e del sabbia. Il terreno è stato dipinto con la tecnica del Dry Brush sovrapponendo vari strati di carnicino e sabbia sempre più chiari. Terminato il terreno ho aggiunto dell’erba sintetica.

Moschettieri Scots Covenanters, 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Moschettieri Scots Covenanters, 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Moschettieri Scots Covenanters, 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Moschettieri Scots Covenanters, 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Moschettiere Scots Covenanters, 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Moschettiere Scots Covenanters, 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Moschettiere Scots Covenanters, 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Moschettiere Scots Covenanters, 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Moschettiere Scots Covenanters, 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Moschettiere Scots Covenanters, 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Moschettiere Scots Covenanters, 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Moschettiere Scots Covenanters, 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Moschettiere Scots Covenanters, 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Moschettiere Scots Covenanters, 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Moschettiere Scots Covenanters, 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Moschettiere Scots Covenanters, 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo

FONTI UNIFORMOLOGICHE :

Keith Roberts – ” Soldiers of the English Civil War 1: Infantry” – OSPREY ELITE SERIES n°25