Giannizzero – Impero Ottomano

I terribili Giannizzeri erano soldati scelti di fanteria al servizio dell’Impero Ottomano; Il corpo, era nato nel XIV secolo per fornire una forza stabile al sultano che sostituisse le antiche truppe tribali. Originariamente era formato da truppe di origini non mussulmane,verso la fine del 1380 il sultano SELIM I accrebbe le file dei giannizzeri ricorrendo all’istituto del devscirme (una sorta di coscrizione obbligatoria a cui le comunità cristiane erano sottoposte, in particolare le aree albanesi,bosniache e bulgare alle quali in seguito venne aggiunta anche la Grecia). I Giannizzeri nel corso dei secoli acquisirono molto potere sia militare che politico e a causa di queste ingerenze che il corpo venne sciolto o meglio annientato dal sultano MAMUD II nel 1826.

Il soldatino è stato preso dal kit in scala 1:72 dell’ azienda russa Zwezda, il pezzo è molto dettagliato anche se di piccola dimensione, dopo averlo preparato alla pittura (pulizia delle sbavature,lavaggio con detersivo per piatti,primer per plastica trasparente e primer bianco,imbasettamento su base tonda ) . Ho dato i colori di base : azzurro per la veste; panna per i risvolti,turbante,calze,piuma; rosso per i calzoni; cuoio per cintura e scudo; marrone per l’impugnatura delle armi; oro e canna di fucile per le armi.

Dopo aver steso la base ho effettuato un lavaggio con gli inchiostri (blu per abito,Rosso calzoni, seppia per tutto il resto).

tabella colori base
tabella colori base
il giannizzero con applicati i colori base
il giannizzero con applicati i colori base

Il lavoro è poi proseguito con la lumeggiatura, per l’abito ho schiarito l’azzurro con del bianco,stessa cosa per i calzoni, le maniche ed i risvolti li ho lumeggiati con dei toni molto chiari di panna mischiati al bianco, le armi con l’aggiunta di bianco ai colori metallici utilizzati.L’interno dello scudo è stato dipinto cercando di dare un ‘impressione di venature del legno (questro sovrapponendo vari strati di sfumature di marrone, dettagliando poi con del nero). Tutte le ombreggiature sono state ottenute aggiungendo al colore base del grigio di Payne. Il carnicino è stato lumeggiato mischiando alla base un giallo di napoli e del bianco, l’ombreggiatura invece aggiungendo del rosso di marte alla base.

La basetta è stata dipinta utilizzando la tecnica del dry brush sovrapponendo vari strati di color sabbia sempre più chiaro.

Giannizzero dell'Impero Ottomano, soldatino plastica scala 1:72 della Zwezda,pittura giallinovagabondo
Giannizzero dell’Impero Ottomano, soldatino plastica scala 1:72 della Zwezda,pittura giallinovagabondo
Giannizzero dell'Impero Ottomano, soldatino plastica scala 1:72 della Zwezda,pittura giallinovagabondo
Giannizzero dell’Impero Ottomano, soldatino plastica scala 1:72 della Zwezda,pittura giallinovagabondo

 

FONTI UNIFORMOLOGICHE :

Ian Heat – ” Armies of the Middle Ages, volume 2 . The Ottoman Empire,Eastern Europe and the Near East, 1300-1500 ” -WRG PUBLICATION

Confederate Infantry

Oggi analizzeremo un bellissimo kit in plastica della Perry Miniatures, la confezione contiene 36 miniature da comporre indifferentemente come confederati o come unionisti, all’interno si trovano una serie di copricapi che permettono di personalizzare al massimo i pezzi.

Ho scelto i confederati in quanto permettono una grande varietà di colorazioni (sempre sulle tonalità del grigio o del marrone) , la situazione economica causata dal blocco navale posto in essere dall’Unione e i lunghi anni di guerra non permettevano spesso di avere delle vere e proprie uniformi e i capi personali abbondavano.Dopo aver preparato la miniatura (imbasettamento,e primer bianco) ho dato i colori di base Grigio intermedio per la giacca e marrone per i calzoni,carnicino per viso e mani, le buffetterie in varie tonalità del cuoio. Asciugata la base ho effettuato un lavaggio con gli inchiostri (nero molto diluito per tutta la miniatura tranne che per la pelle), per la pelle ho utilizzato un color seppia diluito. Le lumeggiature le ho fatte schiarendo il grigio e il marrone con il bianco; mentre invece le ombreggiature aggiungendo il grigio di Payne ai colori base. Per la pelle ho mischiato al carnicino di base del giallo napoli e del bianco (lumeggiature) e del rosso di marte per le ombreggiature.

Il terreno è stato dipinto con la tecnica del Dry Brush utilizzando prima un carnicino e poi del color panna, una volta asciutto ho dettagliato il terreno con dell’erba sintetica.

Fante Confederato, 28mm in plastica Perry Miniatures, pittura giallinovagabondo
Fante Confederato, 28mm in plastica Perry Miniatures, pittura giallinovagabondo
Fante Confederato, 28mm in plastica Perry Miniatures, pittura giallinovagabondo
Fante Confederato, 28mm in plastica Perry Miniatures, pittura giallinovagabondo
Fante Confederato, 28mm in plastica Perry Miniatures, pittura giallinovagabondo
Fante Confederato, 28mm in plastica Perry Miniatures, pittura giallinovagabondo
Fante Confederato, 28mm in plastica Perry Miniatures, pittura giallinovagabondo
Fante Confederato, 28mm in plastica Perry Miniatures, pittura giallinovagabondo

 

FONTI UNIFORMOLOGICHE :

Philip R. Katcher – ” The Army of Northern Virginia”  OSPREY  Men-at-Arms Series n° 37

Philip R. Katcher – ” American Civil War Armies (4) : State Troops ” OSPREY  Men-at-Arms Series n° 190

David Th. Schiller – ” The American Civil War recreated in Coulour Photographs

 

 

Modellismo-Wargames-Soldatini-Storia-Uniformologia