Archivi tag: sughero

Imperial Space Marines 2016

In occasione del trentesimo anniversario della pubblicazione delle regole del Gioco Warhammer 40.000 la Games Workshop ha posto in vendita un Kit riproducente l’Imperial Space Marines creato all’epoca, ovviamente con il gusto e i materiali di oggi…il primo Marines era in lega di piombo, tozzo e con i particolari poco evidenti, quello odierno ha un alto dettaglio è in plastica e prevede l’assemblaggio.

Come sempre per prima cosa ho messo a bagno, con acqua e detergente per piatti per qualche ora l’intero kit smontato. Dopo averlo sciacquato bene sotto un potente getto d’acqua e fatto asciugare ..ho proceduto al lavoro di montaggio.

I pezzi coincidono bene e non hanno bisogno di particolari pulizie, solo nelle parti a contatto con l’albero di fusione ho dovuto prestare attenzione e rifinire il taglio con della carta abrasiva molto fine.

L’assemblaggio è avvenuto utilizzando colla cianoacrilica, il soldatino è stato incollato su una basetta dove in precedenza si erano posizionati degli elementi scenici in plastica della Games Workshop, elementi creati proprio per Warhammer 40.000 e della sabbia da modellismo, con del pietrisco creato con del sughero (tagliato e sminuzzato).

Terminato l’assemblaggio e attesa l’asciugatura della colla ho dato su tutto il pezzo una mano di primer spray nero. Sono passato quindi alla prima fase della pittura, su tutto il pezzo (escluse arma ,protezione ginocchia e gomiti,terreno) ho dato un colore blu scuro, sull’arma un color canna di fucile e su gomiti e ginocchia un rosso rubino. In seguito ho effettuato un lavaggio con dell’inchiostro nero.

Le lumeggiature le ho date stemperando i colori di base con tonalità più chiare, mentre invece le ombreggiature le ho ottenute saturando i colori di base con del grigio di Payne o del nero. Per quanto riguarda le parti dipinte color metallo ho dettagliato e evidenziato le parti in rilievo utilizzando dell’inchiostro ad effetto lucido. Ho dipinto poi il simbolo capitolare degli Ultramarines invertendo  il colore (il blu è diventato bianco e viceversa).

La basetta è stata dipinta prima in ocra, poi con vari passaggi utilizzando la tecnica del pennello a secco (Dry Brush) sovrapponendo varie sfumature di sabbia sempre più desaturate ho portato le rovine sino quasi ad un grigio pietra chiara, ho aggiunto poi dell’erba e dei cespugli sintetici per modellismo.

Space Marines 2016,miniatura in 28mm, plastica,Games Workshop,pittura giallinovagabondo
Space Marines 2016,miniatura in 28mm, plastica,Games Workshop,pittura giallinovagabondo
Space Marines 2016,miniatura in 28mm, plastica,Games Workshop,pittura giallinovagabondo
Space Marines 2016,miniatura in 28mm, plastica,Games Workshop,pittura giallinovagabondo
Space Marines 2016,miniatura in 28mm, plastica,Games Workshop,pittura giallinovagabondo
Space Marines 2016,miniatura in 28mm, plastica,Games Workshop,pittura giallinovagabondo
Space Marines 2016,miniatura in 28mm, plastica,Games Workshop,pittura giallinovagabondo
Space Marines 2016,miniatura in 28mm, plastica,Games Workshop,pittura giallinovagabondo

 

Space Marines 2016,miniatura in 28mm, plastica,Games Workshop,pittura giallinovagabondo
Space Marines 2016,miniatura in 28mm, plastica,Games Workshop,pittura giallinovagabondo

Bastione Imperiale per Warhammer 40,000

Questo è il primo di una serie di articoli che ci permetteranno di costruire con poca spesa ed elementi riciclati una fortificazione da utilizzare nel gioco Warhammer 40,000 . In commercio esistono dei bellissimi complementi creati dalla Games Workshop ma il gusto di crearne uno partendo da pochi pezzi di scarto è impagabile!!

Parte fonfamentale del corredo di ogni modellista è una scatola di pezzi inutilizzati o presi da vecchi kit rovinati o rotti..

pezzi provenienti da diversi kit, scarti di lavorazione o riciclati
pezzi provenienti da diversi kit, scarti di lavorazione o riciclati

Come base della fortificazione ho preso un elemento in polistirolo che serviva come blocco nell’imballo di una stampante, la sua forma mi ricordava delle strutture fortificate e alcune scanalature potevano benissimo essere utilizzati come camminamenti, la scala era perfetta , quindi mi sono dedicato alla scelta degli ulteriori elementi da applicarvi.

Blocco in polistirolo utilizzato come struttura portante per la fortezza
Blocco in polistirolo utilizzato come struttura portante per la fortezza
pezzi scelti per la costruzione della fortezza
pezzi scelti per la costruzione della fortezza
prove di posizionamento
prove di posizionamento

Dopo aver scelto i primi pezzi che comporranno la struttura ho cominciato ad incollare il pezzo in polistirolo su di una base in cartoncino, incollandovi pure del sughero per simulare delle rocce, terminata questa prima fase e attesa l’asciugatura della colla potremo dedicarci alla preparazione del terreno che sarà spiegata nel secondo articolo.

posizionamento della struttura su una base in cartoncino
posizionamento della struttura su una base in cartoncino
particolare della base della struttura
particolare della base della struttura

Dark Angels Space Marines – Parte Prima

Il tutorial di oggi si occuperà della pittura di Spaces Marines  da utilizzare per il gioco Warhammer 40,000, i pezzi che dipingerò sono contenuti nella scatola base ‘ OSCURA VENDETTA ‘, nella scatola oltre al regolamento ci sono le miniature per comporre i due eserciti avversari Kaos e Marines.

Per prima cosa metteremo a bagno con del detersivo i pezzi prescelti (questo per togliere i lubrificanti utilizzati nella fusione) dopo averli fatti asciugare li assembleremo utilizzando della colla cianoacrilica, in seguito ripuliremo i soldatini dalle eventuali imperfezioni utilizzando un cutter e della carta abrasiva fine.

Carta abrasiva e cutter
Carta abrasiva e Cutter

Posizioneremo i Marines montati e ripuliti su delle basette in plastica tonde del diametro di 20mm

Space Marines, miniature in plastica 28mm Games Workshop
Space Marines, miniature in plastica 28mm Games Workshop

In precedenza avremo predisposto un miscuglio di vari tipi di sabbia e pietrisco, da un blocco di sughero taglieremo con il cutter dei piccoli pezzi.

Miscuglio sabbia e pietrisco
Miscuglio sabbia e pietrisco
Blocco di Sughero
Blocco di Sughero
Pezzetti di Sughero
Pezzetti di Sughero

A questo punto posizioneremo sulla basetta del soldatino della colla vinilica posizionando pure una scaglia di sughero , immergeremo il tutto nel recipiente contenente il miscuglio di sabbia.

Space Marines  con colla vinilica sulla basetta
Space Marines con colla vinilica sulla basetta
Space Marines immerso nella sabbia
Space Marines immerso nella sabbia
Space Marines, miniatura in plastica Games Workshop, con il terreno ultimato
Space Marines, miniatura in plastica Games Workshop, con il terreno ultimato

A questo punto una volta ultimata l’asciugatura della colla potremo dare il primer alla miniatura, in questo caso ho utilizzato la bomboletta con il colore nero.

Space Marines dopo la pittura con il primer nero
Space Marines dopo la pittura con il primer nero

 

UNCLE MEAT – Slaughtermeister – Parte Seconda

BASETTA: COSTRUZIONE E PITTURA

Con l’idea di voler ambientare l’Uncle Meat in una sorta di discarica chimica, ho ricoperto la parte superiore del plinto di legno con in sughero, utilizzando la colla vinilica per far aderire i due elementi.
Ad asciugatura avvenuta, ho iniziato a scavare il sughero con il cutter cercando di simulare una profonda pozzanghera.

Plinto in legno e Sughero
Plinto in legno e Sughero

Successivamente ho applicato un ulteriore pezzo di sughero sulla parte superiore della pozzanghera, alloggiando nello stesso il tubo di scarico (pezzettino di plastica recuperato da una penna esaurita) e fermando tutto con la colla vinilica.

Lavorazione sughero
Lavorazione sughero

Durante la fase di asciugatura del plinto, ho iniziato a costruire separatamente la torretta in rovina da applicare sopra la discarica, utilizzando ancora del sughero, una sezione di veicolo militare in plastica…

sughero e sezione veicolo militare
sughero e sezione veicolo militare

…gli stampi di styrene, il foglio di plasticard e piccoli oggetti di recupero.

basetta stirene e cannucce
basetta stirene e cannucce

Terminata la costruzione, ho applicato la struttura sulla parte superiore della pozza fermandola con la colla vinilica.
Successivamente ho testurizzato le parti in sughero con una miscela di colla vinilica e sabbia da cantiere per creare un effetto terroso.

lavorazione piattaforma
lavorazione piattaforma

Per concludere, ho applicato sassolini e detriti per dare vita allo scorcio di discarica che dovrà ospitare Uncle Meat.

aggiunta dettagli alla discarica
aggiunta dettagli alla discarica

Prima di iniziare a dipingere tutti gli elementi, ho approntato dei perni sotto i piedi della miniatura (per darle maggiore stabilità quando andrò ad applicarla definitivamente alla base)  e l’ho posizionata provvisoriamente sulla torretta per valutarne la giusta posizione.

posizionamento della miniatura sulla piattaforma
posizionamento della miniatura sulla piattaforma

Soddisfatto della composizione, ho provveduto ad applicare uno strato di primer spray nero e, successivamente, a ricoprire il plinto con del nastro adesivo di carta per evitare di sporcarlo durante la pittura.
La fase successiva è stata quella della stesura dei colori di base: Marrone scuro per quanto concerne terra e  sassi, metallo brunito per le parti metalliche (piattaforma, reti ecc.).
Le zone di terra sono state poi schiarite con dei toni di marrone più chiari, mentre pietre e sassi con scale di grigio. A lumeggiature ultimate ho applicato dei pigmenti in polvere per rendere l’effetto terra ancora più realistico.
Sui metalli ho lavorato principalmente con le lavature, prima di acrilici (ocra e rosso mattone) e successivamente di inchiostri (marrone e nero) per ottenere un risultato finale leggermente più lucido.
Prima di aggiungerli alla composizione, ho provveduto a dipingere anche la tanica ed il (mezzo) bidone. Per creare l’effetto delle scrostature ho dato un colore di fondo color ruggine e successivamente ho applicato a piccole chiazze il mascherante della Humbrol, servendomi di un vecchio pennello. Dopo qualche minuto, necessario per far asciugare il mascherante, ho provveduto a dipingere tanica e bidone con del blu/turchese schiarito in più fasi con il bianco.
Per finire, mi sono servito di un pennello di gomma per rimuovere il mascherante, creando così l’effetto voluto.
Posizionato il bidone, ho colato nella pozza l’effetto acqua bicomponente della Prochima, opportunamente scurito con pigmento verde e marrone.
In ultimo ho applicato sul bordo della pozzanghera il ratto dipinto in precedenza.

pittura piattaforma
pittura piattaforma
pittura piattaforma
pittura piattaforma

 

STE

UNCLE MEAT – Slaughtermeister -prima parte

La miniatura selezionata per questo articolo-tutorial è stata scolpita in scala 30mm dalle magiche mani di Jacques Alexandre Gillois e prodotta in resina dalla Miniature Factory.

Miniatura resina 30mm della Miniature Factory
Miniatura resina 30mm della Miniature Factory

MATERIALI

Prima di iniziare ho provveduto a selezionare tutti i materiali di cui avrò bisogno per assemblare la base espositiva e sulla quale andrò a posizionare la miniatura dipinta.
⁃    Un plinto di legno
⁃    Foglio di sughero
⁃    Colla vinilica
⁃    Cutter

Materiali utilizzati
Materiali utilizzati

⁃    Styrene per modellismo in vari stampi

Styrene
Styrene

⁃    1 Foglio di plasticard

Foglio Plasticard
Foglio Plasticard

⁃    Materiali di recupero (pezzi di penne, accendini, rete metallica, scarti di modelli di mezzi militari ecc.)

Materiali di Recupero
Materiali di Recupero

Inoltre, per l’idea che avevo in mente, mi sono procurato un bidone in plastica (modellismo militare)   ed ho provveduto a segarlo a metà.

Bidone da modellismo militare
Bidone da modellismo militare

Per finire, ho recuperato un piccolo ratto in plastica da una confezione di Skaven della Games Workshop, che mi servirà per aggiungere un ultimo particolare alla basetta.

Topo in plastica della Games Workshop
Topo in plastica della Games Workshop

 

 

STE