Archivi tag: Seconda Guerra Mondiale

Sergente dei Paracadutisti Britannici WW II

Questa miniatura in 28 mm raffigura un sergente dei paracadutisti inglesi che svolsero un ruolo fondamentale durante lo sbarco in Normandia e nella tragica operazione Market Garden nel settembre 1944. Le truppe aviotrasportate avevano in dotazione l’uniforme standard, sopra vi indossavano il famoso giubbotto mimetico Dennison, anche l’elmetto si differenziava da quello in dotazione normalmente (quello a bacinella tipico dell’esercito Britannico), per completare la mimetizzazione l’elmetto era ricoperto da una reticella dove venivano inseriti brandelli di iuta.Il pezzo è frutto di un assemblaggio di pezzi di ditte differenti (corpo Wargames Foundry e testa Artizan)
Dopo la preparazione standard (basetta,sabbia,primer bianco) ho dato i colori di base al soldatino: mimetica (Verde oliva), calzoni (marrone uniforme inglese), buffetterie (color kaki), elmetto (verde scuro, viso e mani (carnicino), arma automatica nera, scarpe (nere).
Ho quindi dato sul pezzo(tranne sul viso e le mani ) un lavaggio con l’inchiostro verde militare, sulle parti carnicine invece ho utilizzato il color seppia; asciugato l’inchiostro ho cominciato a tracciare le macchie mimetiche sul giubbotto Dennison (ocra, marrone scuro, verde oliva). Sono passato poi a lumeggiare i pantaloni con un color kaki mischiato al marrone base, per le buffetterie ho utilizzato il kaki mischiato a sabbia e bianco; le ombreggiature le ho ottenute aggiungendo ai colori base del terra di siena bruciato. Il carnicino l’ho lumeggiato aggiungendo al base del giallo brillante e del sabbia, le ombreggiature invece sommando la base al del terra di siena bruciato.
Il terreno è stato dipinto con la tecnica del dry brush dando vari passaggi di color sabbia sempre più chiari, terminata la pittura ho aggiunto dell’erba sintetica ; l’arma automatica è stata dipinta con un passaggio di dry brush molto leggero d’argento.

WWII British Paratroops,miniatura in metallo 28 mm Artizan Designs/Wargames Foundry ,pittura e rielaborazione giallinovagabondo.
WWII British Paratroops,miniatura in metallo 28 mm Artizan Designs/Wargames Foundry ,pittura e rielaborazione giallinovagabondo.
WWII British Paratroops,miniatura in metallo 28 mm Artizan Designs/Wargames Foundry ,pittura e rielaborazione giallinovagabondo.
WWII British Paratroops,miniatura in metallo 28 mm Artizan Designs/Wargames Foundry ,pittura e rielaborazione giallinovagabondo.

FONTI UNIFORMOLOGICHE :
Andrew Mollo – ” Le forze Armate della seconda guerra mondiale – uniformi ,distintivi e organizzazione” – ISTITUTO GEOGRAFICO DE AGOSTINI
Stephen Badsey – ” Arnhem 1944,l’operazione Market-Garden – EDIZIONI DEL PRADO Eserciti e Battaglie n°38
Gregor Ferguson -” I Paracadutisti 1940-1984 ” – EDIZIONI DEL PRADO Serie Uomini in Uniforme n° 9

Jewish Brigade Group- wwII

Le miniature che propongo oggi fanno parte del WWII British Infantry plastic boxed set commercializzato dalla britannica Warlord Games per il regolamento ” BOLT ACTION “, la scatola comprede 25 miniature in plastica da assemblare scala 28mm.

Per prima cosa ho sgrassato i pezzi  mettendoli a bagno in una bacinella con acqua e sapone liquido per piatti, quindi ho scelto i pezzi e le armi da montare ripulendo in seguito i soldatini dalle imperfezioni derivate dalla fusione ,questo utilizzando un cutter dalla punta fine e della carta abrasiva molto sottile, in una seconda fase ho incollato le miniature su delle basette di plastica tonde diametro 20mm; sulle medesime basette ho aggiunto della sabbia per modellismo e del sughero (in modo da simulare il terreno), sul tutto una volta asciugato ho dato una mano di primer spray nero.

Per la pittura ho deciso di trasformare i soldati britannici in soldati della Brigata Ebraica,

Come colore di base ho scelto quindi un Brown Violet della Vallejo (serie model color), con questo ho fatto l’uniforme, per le buffetterie e le ghette un kaki (sempre Vallejo), Elmetto un Russian Uniform (Vallejo), viso e mani un carnicino scuro,il terreno è stato dipinto con verde oliva; sul tutto ho steso una mano d’inchiostro seppia.

Nella fase della lumeggiatura ho utilizzato i colori di base stemperandoli con del bianco, tranne che per il carnicino al quale ho aggiunto del sabbia e del giallo brillante; le ombreggiature le ho date mischiando ai colori di base del grigio di payne (tranne che per il carnicino al quale ho aggiunto invece del terra di Siena bruciata). Una volta terminata la pittura dei soldatini ho rimosso i pezzi dalle basi provvisorie e li ho incollati sulla piattaforma definitiva. Sulla base ho incollato con della colla vinilica un miscuglio di sabbia di varie dimensioni e del sughero (per simulare le rocce), una volta asciugata la colla ho dato una mano di terra di Siena, sulla quale ho effettuato un lavaggio con inchiostro nero. Il terreno è stato poi dipinto utilizzando la tecnica del dry brush e passando varie mani di ocra diluite con del bianco, sovrapponendo tonalità sempre più chiare; terminata la pittura del terreno ho aggiunto dei cespugli e dell’erba sintetica.

Sull’ uniforme ho disegnato anche i simboli contraddistinguevano questa brigata.

Jewish Brigade,miniature plastica 28mm,Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Jewish Brigade,miniature plastica 28mm,Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Jewish Brigade,miniature plastica 28mm,Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Jewish Brigade,miniature plastica 28mm,Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Jewish Brigade,miniature plastica 28mm,Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Jewish Brigade,miniature plastica 28mm,Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Jewish Brigade,miniature plastica 28mm,Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Jewish Brigade,miniature plastica 28mm,Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Jewish Brigade,miniature plastica 28mm,Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Jewish Brigade,miniature plastica 28mm,Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Jewish Brigade,miniature plastica 28mm,Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Jewish Brigade,miniature plastica 28mm,Warlord Games,pittura giallinovagabondo

FONTI UNIFORMOLOGICHE :

Andrew Mollo – ” Le forze Armate della seconda guerra mondiale – uniformi ,distintivi e organizzazione” – ISTITUTO GEOGRAFICO DE AGOSTINI

 

WWII British Paratroops

Queste miniature in 28 mm della Artizan designs raffigurano una squadra di paracadutisti britannici della Seconda Guerra Mondiale , i paracadutisti inglesi svolsero un ruolo fondamentale durante lo sbarco in Normandia e nella tragica operazione Market Garden nel settembre 1944. Le truppe aviotrasportate avevano in dotazione l’uniforme standard, sopra vi indossavano il famoso giubbotto mimetico Dennison, anche l’elmetto si differenziava da quello in dotazione normalmente (quello a bacinella tipico dell’esercito Britannico), per completare la mimetizzazione l’elmetto era ricoperto da una reticella dove venivano inseriti brandelli di iuta.

Dopo la preparazione standard (basetta,sabbia,primer bianco) ho dato i colori di base ai soldatini : mimetica (Verde oliva), calzoni (marrone uniforme inglese), buffetterie (color kaki), elmetto (verde scuro, viso e mani (carnicino), arma automatica nera, scarpe (nere),basco (amaranto).

Ho quindi dato su tutte le miniature(tranne sul viso e le mani ) un lavaggio con l’inchiostro verde militare, sulle parti carnicine invece ho utilizzato il color seppia; asciugato l’inchiostro ho cominciato a tracciare le macchie mimetiche sul giubbotto Dennison (ocra, marrone scuro, verde oliva). Sono passato poi a lumeggiare i pantaloni con un color kaki mischiato al marrone base, per le buffetterie ho utilizzato il kaki mischiato a sabbia e bianco; le ombreggiature le ho ottenute aggiungendo ai colori base del terra di siena bruciato. Il carnicino l’ho lumeggiato aggiungendo al base del giallo brillante e del sabbia, le ombreggiature invece sommando la base al del terra di siena bruciato.

Il terreno è stato dipinto con la tecnica del dry brush dando vari passaggi di color sabbia sempre più chiari, terminata la pittura ho aggiunto dell’erba sintetica ; l’arma automatica è stata dipinta con un passaggio di dry brush molto leggero d’argento.

WWII British Paratroops,miniature in metallo 28 mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
WWII British Paratroops,miniature in metallo 28 mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
WWII British Paratroops,miniature in metallo 28 mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
WWII British Paratroops,miniature in metallo 28 mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
WWII British Paratroops,miniature in metallo 28 mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
WWII British Paratroops,miniature in metallo 28 mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
WWII British Paratroops,miniature in metallo 28 mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
WWII British Paratroops,miniature in metallo 28 mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
WWII British Paratroops,miniature in metallo 28 mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
WWII British Paratroops,miniature in metallo 28 mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
WWII British Paratroops,miniature in metallo 28 mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
WWII British Paratroops,miniature in metallo 28 mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
WWII British Paratroops,miniature in metallo 28 mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
WWII British Paratroops,miniature in metallo 28 mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo

FONTI UNIFORMOLOGICHE :

Andrew Mollo – ” Le forze Armate della seconda guerra mondiale – uniformi ,distintivi e organizzazione” – ISTITUTO GEOGRAFICO DE AGOSTINI

Stephen Badsey – ” Arnhem 1944,l’operazione Market-Garden – EDIZIONI DEL PRADO Eserciti e Battaglie n°38

Gregor Ferguson -” I Paracadutisti 1940-1984 ” – EDIZIONI DEL PRADO Serie Uomini in Uniforme n° 9

Japanese Officer

L’ufficiale Giapponese che propongo in questo articolo fa parte del box ‘ Japanese Infantry ‘commercializzato dalla britannica Warlord Games e contenente 30 miniature in plastica da assemblare all’interno si possono fare numerose opzioni per personalizzare i singoli pezzi  tra le possibilità di armamento disponibili abbiamo : Arisaka rifle, Light ‘knee’ mortar, Hand grenades, Type 99 Light machine gun (and bayonet!), Type 14 Nambu pistol, NCO’s Shin Gunto sword, Anti-tank lunge mine, Arisaka rifle with bayonet, Type 100 sub-machine gun.

Dopo aver scelto tra le varie opzioni sia di corpi che di armamento ho assemblato la miniatura utilizzando della colla cianoacrilica posizionandola poi su una basetta tonda del diametro di 20mm; sulla basetta ho incollato con della colla vinilica della sabbia da modellismo. Una volta asciugato il tutto ho spruzzato una prima base di primer acrilico nero, in una secnda fase ho dato sempre con la bomboletta un marrone nocciola. Sono quindi passato a dare la colorazione base : uniforme (death world forest della Citadel) elmetto e fasce (Dunkelgrun della Revell) arma (marrone scuro), buffetterie ,cintura, scarpe (terra di siena bruciato), pelle (carnicino mischiato a giallo brillante), carnicino scuro (terreno), metallo brunito (parti metalliche pistola e katana).Su tutta la miniatura ho quindi steso degli inchiostri (Athonian camoshade della Citadel su tutto il pezzo tranne la pelle per la quale ho invece utilizzato il Reikland Fleshshade). Nella fase successiva ho iniziato a schiarire i toni dell’uniforme utilizzando il Japan Uniform wwII della Vallejo mischiato al colore precedentemente utilizzato della Citadel, alla mistura base ho anche aggiunto un ritardante per colori acrilici questo per riuscire ad amalgamare le varie sfumature. Per il resto dell’equipaggiamento ho lumeggiato i colori base con delle tonalità più chiare e delle punte di bianco. Le ombreggiature le ho ottenute aggiungendo alle basi del grigio di Payne e del marrone scuro, per i metalli ho lumeggiato aggiungendo dell’argento brillante e dell’oro chiaro. Il terreno è stato dipinto sovrapponendo con la tecnica del dry brush varie tonalità di color sabbia. Alla fine per dettagliare ho incollato delle piante e delle radici autocostruite con del nastro di carta zigrinato ritagliato e poi dipinto in modo da simulare della vegetazione tropicale.

 

Japanese Officer,miniatura plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Japanese Officer,miniatura plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Japanese Officer,miniatura plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Japanese Officer,miniatura plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Japanese Officer,miniatura plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Japanese Officer,miniatura plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Japanese Officer,miniatura plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Japanese Officer,miniatura plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Japanese Officer,miniatura plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Japanese Officer,miniatura plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo

 

FONTI UNIFORMOLOGICHE :

 

Andrew Mollo – ” Le forze Armate della seconda guerra mondiale – uniformi ,distintivi e organizzazione” – ISTITUTO GEOGRAFICO DE AGOSTINI

Philip Jowett – The Japanese Army 1931-41 (1)  – Osprey serie Men-At-Arms 362

‘                      ‘  – The Japanese Army 1931-41 (2) –  Osprey serie Men-At-Arms 369

Gordon L.Rottman – Japanese Infantyman – Osprey serie Warrior 95

Japanese Infantry

Il fante Giapponese che propongo in questo articolo fa parte del box ‘ Japanese Infantry ‘commercializzato dalla britannica Warlord Games e contenente 30 miniature in plastica da assemblare all’interno si possono fare numerose opzioni per personalizzare i singoli pezzi  tra le possibilità di armamento disponibili abbiamo : Arisaka rifle, Light ‘knee’ mortar, Hand grenades, Type 99 Light machine gun (and bayonet!), Type 14 Nambu pistol, NCO’s Shin Gunto sword, Anti-tank lunge mine, Arisaka rifle with bayonet, Type 100 sub-machine gun.

Dopo aver scelto tra le varie opzioni sia di corpi che di armamento ho assemblato la miniatura utilizzando della colla cianoacrilica posizionandola poi su una basetta tonda del diametro di 20mm; sulla basetta ho incollato con della colla vinilica della sabbia da modellismo. Una volta asciugato il tutto ho spruzzato una prima base di primer acrilico nero, in una secnda fase ho dato sempre con la bomboletta un marrone nocciola. Sono quindi passato a dare la colorazione base : uniforme (death world forest della Citadel) elmetto e fasce (Dunkelgrun della Revell) arma (marrone scuro), buffetterie ,cintura, scarpe (terra di siena bruciato), pelle (carnicino mischiato a giallo brillante), carnicino scuro (terreno), metallo brunito (parti metalliche fucile e baionetta).Su tutta la miniatura ho quindi steso degli inchiostri (Athonian camoshade della Citadel su tutto il pezzo tranne la pelle per la quale ho invece utilizzato il Reikland Fleshshade). Nella fase successiva ho iniziato a schiarire i toni dell’uniforme utilizzando il Japan Uniform wwII della Vallejo mischiato al colore precedentemente utilizzato della Citadel, alla mistura base ho anche aggiunto un ritardante per colori acrilici questo per riuscire ad amalgamare le varie sfumature. Per il resto dell’equipaggiamento ho lumeggiato i colori base con delle tonalità più chiare e delle punte di bianco. Le ombreggiature le ho ottenute aggiungendo alle basi del grigio di Payne e del marrone scuro, per i metalli ho lumeggiato aggiungendo dell’argento brillante. Il terreno è stato dipinto sovrapponendo con la tecnica del dry brush varie tonalità di color sabbia. Alla fine per dettagliare ho incollato delle piante e delle radici autocostruite con del nastro di carta zigrinato ritagliato e poi dipinto in modo da simulare della vegetazione tropicale.

Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo

 

FONTI UNIFORMOLOGICHE :

 

Andrew Mollo – ” Le forze Armate della seconda guerra mondiale – uniformi ,distintivi e organizzazione” – ISTITUTO GEOGRAFICO DE AGOSTINI

Philip Jowett – The Japanese Army 1931-41 (1)  – Osprey serie Men-At-Arms 362

‘                      ‘  – The Japanese Army 1931-41 (2) –  Osprey serie Men-At-Arms 369

Gordon L.Rottman – Japanese Infantyman – Osprey serie Warrior 95

 

Soviet Machine Gun ‘Maxim’

Il set in evidenza oggi è un kik della Russa Zvezda, la scatola di montaggio comprende due team di mitragliatrici Maxim della fanteria sovietica della seconda guerra mondiale (4 soldatini in plastica dura scala 1/72), pezzi molto ben dettagliati come tutti quelli prodotti dalla Zvezda. Per prima acosa dovremo lavare con del sapone per piatti il nostro set, che in seguito dovrà essere assemblato con l’utilizzo di colla cianoacrilica o di colla per plastmodellismo. Dopo aver assemblato i pezzi stuccheremo con dello stucco per plastica le entuali fessure nei punti d’unione e ripuliremo con un cutter o con della carta abrasiva molto fine eventuali sbavature. Terminato l’assemblaggio posizioneremo i vari pezzi su delle basette provvisorie da lavorazione e passeremo sulle miniature il primer (in questo caso ho utilizzato un nero spray).

Adesso potremo stendere i colori di base : nero (scarpe), cuoio (cintura),Kaki (tascapane e zaino),carnicino (viso), grigio verde (cappotto), verde oliva (corpo nitragliatrice ed elmetto), metallo (canna mitragliatrice) ;una volta dipinte le miniature applicheremo un lavaggio di inchiostro seppia .Ora possiamo passare alla fase della lumeggiatura, ai colori di base aggiungeremo delle tonalità più chiare ottenute con un color panna; i visi invece gli schiariremo utilizzando il carnicino di base mischiato con del sabbia,del giallo brillante e del bianco. Per le ombreggiature aggiungeremo ai colori di base del grigio di Payne; mentre per il viso aggiungeremo al carnicino del terra di siena bruciata.

Terminata la pittura prepareremo il terreno incollando con colla vinilica su di una  basetta tonda in plastica della sabbia mista a ghiaietta da modellismo a cui aggiungeremo dei pezzi di sughero per simulare le rocce, asciugato il terriccio dipingeremo con un verde oliva il tutto. Quindi con la tecnica del dry brush daremo varie mani di carnicino e di sabbia in tonalità sempre più chiare, terminato il lavoro di pittura incolleremo le miniature sul terreno con della colla cianoacrilica, in seguito dettaglieremo il tutto con erba e cespugli sintetici.

Soviet Machine Gun Maxim Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Machine Gun Maxim Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Machine Gun Maxim Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Machine Gun Maxim Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Machine Gun Maxim Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Machine Gun Maxim Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Machine Gun Maxim Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Machine Gun Maxim Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Machine Gun Maxim Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Machine Gun Maxim Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Machine Gun Maxim Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Machine Gun Maxim Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Machine Gun Maxim Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Machine Gun Maxim Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Machine Gun Maxim Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Machine Gun Maxim Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo

 

 

FONTI UNIFORMOLOGICHE :

 

Andrew Mollo – ” Le forze Armate della seconda guerra mondiale – uniformi ,distintivi e organizzazione” – ISTITUTO GEOGRAFICO DE AGOSTINI

Steven J. Zaloga – ” The Red Army of the Great Patriotic War 1941-45 ” – OSPREY MILITARY serie Men-at Arms n° 216

Soviet Anti Tank Rifle Team

Il set in evidenza oggi è un kik della Russa Zvezda, la scatola di montaggio comprende due team anticarro della fanteria sovietica della seconda guerra mondiale (4 soldatini in plastica dura scala 1/72), pezzi molto ben dettagliati come tutti quelli prodotti dalla Zvezda. Per prima acosa dovremo lavare con del sapone per piatti il nostro set, che in seguito dovrà essere assemblato con l’utilizzo di colla cianoacrilica o di colla per plastmodellismo. Dopo aver assemblato i pezzi stuccheremo con dello stucco per plastica le entuali fessure nei punti d’unione e ripuliremo con un cutter o con della carta abrasiva molto fine eventuali sbavature. Terminato l’assemblaggio posizioneremo i vari pezzi su delle basette provvisorie da lavorazione e passeremo sulle miniature il primer (in questo caso ho utilizzato un nero spray).

Adesso potremo stendere i colori di base : nero (scarpe), cuoio (cintura),Kaki (tascapane ),carnicino (viso), grigio verde (cappotto), metallo (vanga e canna fucile), marrone scuro (calcio fucile e manico vanga), verde oliva (elmetto) ;una volta dipinte le miniature applicheremo un lavaggio di inchiostro seppia .Ora possiamo passare alla fase della lumeggiatura, ai colori di base aggiungeremo delle tonalità più chiare ottenute con un color panna; i visi invece gli schiariremo utilizzando il carnicino di base mischiato con del sabbia,del giallo brillante e del bianco. Per le ombreggiature aggiungeremo ai colori di base del grigio di Payne; mentre per il viso aggiungeremo al carnicino del terra di siena bruciata.

Terminata la pittura prepareremo il terreno incollando con colla vinilica su di una  basetta tonda in plastica della sabbia mista a ghiaietta da modellismo a cui aggiungeremo dei pezzi di sughero per simulare le rocce, asciugato il terriccio dipingeremo con un verde oliva il tutto. Quindi con la tecnica del dry brush daremo varie mani di carnicino e di sabbia in tonalità sempre più chiare, terminato il lavoro di pittura incolleremo le miniature sul terreno con della colla cianoacrilica, in seguito dettaglieremo il tutto con erba e cespugli sintetici.

Soviet Anti Tank Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Anti Tank Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Anti Tank Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Anti Tank Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Anti Tank Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Anti Tank Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Anti Tank Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Anti Tank Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Anti Tank Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo
Soviet Anti Tank Team, miniature plastica Zvezda scala 1/72, pittura giallinovagabondo

 

 

FONTI UNIFORMOLOGICHE :

 

Andrew Mollo – ” Le forze Armate della seconda guerra mondiale – uniformi ,distintivi e organizzazione” – ISTITUTO GEOGRAFICO DE AGOSTINI

Steven J. Zaloga – ” The Red Army of the Great Patriotic War 1941-45 ” – OSPREY MILITARY serie Men-at Arms n° 216

 

Red Army anti Tank Grenadier

Questo splendido soldatino della Warlord Games fa parte della scatola Soviet Infantry plastic box set; la confezione comprende ben 30 soldatini da assemblare e comporre con le più disparate armi in dotazione e le uniformi sia estive che invernali adottate dall’Armata Rossa durante la Grande Guerra Patriottica, sono comprese inoltre anche armi catturate ai Tedeschi e utilizzate dai Sovietici.

Per comporre il pezzo mi sono ispirato alla tavola disegnata da Ron Volstad sul volume The Red Army of the Great Patriotic War 1941-5 edito dalla casa editrice Osprey, la tavola rappresentava due Ufficiali e un Granatiere con lo sfondo della porta Brandeburgo a Berlino. Una volta scelti i pezzi per montare la miniatura ho lavato il tutto con detergente per piatti, questo per sgrassare la plastica, ho quindi incollato le parti con colla cianoacrilica (Attack) e posizionato il pezzo su di una basetta tonda in plastica del diametro di 20mm, sulla medesima basetta ho incollato con della colla vinilica la sabbia per modellismo.

Una volta asciugate le colle ho spruzzato sul soldatino una mano di primer acrilico nero, in seguito ho dato i colori di base : un marrone nocciola (uniforme invernale), nero (stivali), grigio (colbacco), color sabbia (sacca), cuoio tossiccio (cintura), carnicino (viso e mani) marrone scuro (calcio mitragliatore) , metallo brunito (parti metalliche mitra), sabbia (panzerfaust), verde oliva terreno ; su tutto il pezzo ho quindi dato un lavaggio d’inchiostro color seppia.

Sono quindi passato a lumeggiare il soldatino; ho schiarito i colori di base con del sabbia chiaro e del bianco per l’uniforme e lo zaino, per il viso e le mani ho utilizzato anche oltre al carnicino un sabbia e un giallo brillante, per le armi un argento (parte metallica del mitra) e un marrone chiaro per il calcio , il panzerfaust è stato lumeggiato utilizzando il sabbia di base e del bianco, per gli stivali ho usato del grigio scuro. Le ombreggiature mi hanno visto utilizzare invece del grigio di payne mischiato ai colori base, tranne per il volto e le mani dove ho sostituito il grigio di payne con del terra di Siena bruciato. Per il terreno ho applicato la tecnica del dry brush, passando varie mani di color sabbia sempre più chiaro.

Alla fine ho dettagliato il terreno con erba e cespugli sintetici.

Red Army anti Tank Grenadier, miniatura plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Red Army anti Tank Grenadier, miniatura plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Red Army anti Tank Grenadier, miniatura plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Red Army anti Tank Grenadier, miniatura plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Red Army anti Tank Grenadier, miniatura plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Red Army anti Tank Grenadier, miniatura plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Red Army anti Tank Grenadier, miniatura plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Red Army anti Tank Grenadier, miniatura plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo

 

FONTI UNIFORMOLOGICHE :

 

Andrew Mollo – ” Le forze Armate della seconda guerra mondiale – uniformi ,distintivi e organizzazione” – ISTITUTO GEOGRAFICO DE AGOSTINI

Steven J. Zaloga – ” The Red Army of the Great Patriotic War 1941-45 ” – OSPREY MILITARY serie Men-at Arms n° 216

 

Canadian Infantry

Le miniature che propongo oggi fanno parte del WWII British Infantry plastic boxed set commercializzato dalla britannica Warlord Games per il regolamento ” BOLT ACTION “, la scatola comprede 25 miniature in plastica da assemblare scala 28mm.

Per prima cosa ho sgrassato i pezzi  mettendoli a bagno in una bacinella con acqua e sapone liquido per piatti, quindi ho scelto i pezzi e le armi da montare ripulendo in seguito i soldatini dalle imperfezioni derivate dalla fusione ,questo utilizzando un cutter dalla punta fine e della carta abrasiva molto sottile, in una seconda fase ho incollato le miniature su delle basette di plastica tonde diametro 20mm; sulle medesime basette ho aggiunto della sabbia per modellismo e del sughero (in modo da simulare il terreno), sul tutto una volta asciugato ho dato una mano di primer spray nero.

Per la pittura ho deciso di trasformare i soldati britannici in soldati canadesi, le uniformi erano le medesime cambiava soltanto la colorazione dell’uniforme (più tendente al verde quella canadese e il panno a detta di molti era di qualità superiore).

Come colore di base ho scelto quindi un Brown Violet della Vallejo (serie model color), con questo ho fatto l’uniforme, per le buffetterie e le ghette un kaki (sempre Vallejo), Elmetto un Russian Uniform (Vallejo), viso e mani un carnicino scuro,il terreno è stato dipinto con verde oliva; sul tutto ho steso una mano d’inchiostro seppia.

Nella fase della lumeggiatura ho utilizzato i colori di base stemperandoli con del bianco, tranne che per il carnicino al quale ho aggiunto del sabbia e del giallo brillante; le ombreggiature le ho date mischiando ai colori di base del grigio di payne (tranne che per il carnicino al quale ho aggiunto invece del terra di Siena bruciata). Una volta terminata la pittura dei soldatini ho rimosso i pezzi dalle basi provvisorie e li ho incollati sulla piattaforma definitiva. Sulla base ho incollato con della colla vinilica un miscuglio di sabbia di varie dimensioni e del sughero (per simulare le rocce), una volta asciugata la colla ho dato una mano di terra di Siena, sulla quale ho effettuato un lavaggio con inchiostro nero. Il terreno è stato poi dipinto utilizzando la tecnica del dry brush e passando varie mani di ocra diluite con del bianco, sovrapponendo tonalità sempre più chiare; terminata la pittura del terreno ho aggiunto dei cespugli e dell’erba sintetica.

Sull’ uniforme ho disegnato anche i relativi simboli nazionali e divisionali.

Canadian Infantry, miniature in plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Canadian Infantry, miniature in plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo

 

Canadian Infantry, miniature in plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Canadian Infantry, miniature in plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo

 

 

Canadian Infantry, miniature in plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Canadian Infantry, miniature in plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo

 

Canadian Infantry, miniature in plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Canadian Infantry, miniature in plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Canadian Infantry, miniature in plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Canadian Infantry, miniature in plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo

 

Canadian Infantry, Sergeant,miniatura in plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Canadian Infantry, Sergeant,miniatura in plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Canadian Infantry, Sergeant, miniatura in plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Canadian Infantry, Sergeant, miniatura in plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Canadian Infantry, Lieutenant ,miniatura in plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Canadian Infantry, Lieutenant ,miniatura in plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo

 

Canadian Infantry, miniature in plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo
Canadian Infantry, miniature in plastica 28mm Warlord Games,pittura giallinovagabondo

 

FONTI UNIFORMOLOGICHE :

Andrew Mollo – ” Le forze Armate della seconda guerra mondiale – uniformi ,distintivi e organizzazione” – ISTITUTO GEOGRAFICO DE AGOSTINI

Mike Chappell – ” The Canadian Army at War “- OSPREY PUBLISHING, Men-at- Arms Series 164

René Chartrand – ” Canadian Forces in World War II ” – OSPREY PUBLISHING, Men-at-Arms Series 359

British Commandos

Questi  soldatini in 28mm della Artizan Designs raffigurano  un gruppo di COMMANDOS Britannici. Dopo aver preparato le miniature ripulendole con carta abrasiva dalle scorie della fusione e averle  incollate su delle basi tonde 20×20 mm previamente testurizzate con della sabbia da modellismo, ho dato il primer spray nero .

Quindi sono passato a stendere i colori di base : marrone uniforme inglese (calzoni,calzettoni,camicia,berretto,ghette) , Kaki (buffetterie),marrone scuro (scarpe), canna di fucile (arma automatica), carnicino (viso e mani) una volta asciugata la colorazione basemi sono dedicato alla fase dei lavaggi, per il washing ho utilizzato dell’inchiostro seppia scuro.

Nella fase della successiva lumeggiatura ho mischiato il color Marrone Uniforme Inglese con varie tonalità di sabbia chiaro, aggiungendo negli ultimi passaggi anche una punta di bianco; per le buffetterie ho aggiunto al Kaki del giallo brillante, mischiandolo negli ultimi passaggi anche a del bianco. L’arma automatica è stata dipinta con la tecnica del dry brush utilizzando del color argento. Le ombreggiature sono state fatte aggiungendo al colore base un color terra di siena bruciato mischiato al grigio di Payne. Le tonalità della pelle sono state ottenute  mischiando al carnicino base del giallo Napoli, del sabbia chiaro e del bianco; le ombreggiature invece mischiando al carnicino base del terra di siena bruciato. Il terreno è stato dipinto con la tecnica del Dry Brush utilizzando varie tonalità di sabbia chiaro, al termine sono stati applicati dei cespugli d’erba sintetica.

British Commandos,miniatura metallo 28mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
British Commandos,miniatura metallo 28mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
British Commandos,miniatura metallo 28mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
British Commandos,miniatura metallo 28mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
British Commandos,miniatura metallo 28mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
British Commandos,miniatura metallo 28mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
British Commandos,miniatura metallo 28mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
British Commandos,miniatura metallo 28mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
British Commandos,miniatura metallo 28mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
British Commandos,miniatura metallo 28mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
British Commandos,miniature metallo 28mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo
British Commandos,miniature metallo 28mm Artizan Designs,pittura giallinovagabondo

 

FONTI UNIFORMOLOGICHE :

Andrew Mollo – ” Le forze Armate della seconda guerra mondiale – uniformi ,distintivi e organizzazione” – ISTITUTO GEOGRAFICO DE AGOSTINI