Japanese Infantry

Il fante Giapponese che propongo in questo articolo fa parte del box ‘ Japanese Infantry ‘commercializzato dalla britannica Warlord Games e contenente 30 miniature in plastica da assemblare all’interno si possono fare numerose opzioni per personalizzare i singoli pezzi  tra le possibilità di armamento disponibili abbiamo : Arisaka rifle, Light ‘knee’ mortar, Hand grenades, Type 99 Light machine gun (and bayonet!), Type 14 Nambu pistol, NCO’s Shin Gunto sword, Anti-tank lunge mine, Arisaka rifle with bayonet, Type 100 sub-machine gun.

Dopo aver scelto tra le varie opzioni sia di corpi che di armamento ho assemblato la miniatura utilizzando della colla cianoacrilica posizionandola poi su una basetta tonda del diametro di 20mm; sulla basetta ho incollato con della colla vinilica della sabbia da modellismo. Una volta asciugato il tutto ho spruzzato una prima base di primer acrilico nero, in una secnda fase ho dato sempre con la bomboletta un marrone nocciola. Sono quindi passato a dare la colorazione base : uniforme (death world forest della Citadel) elmetto e fasce (Dunkelgrun della Revell) arma (marrone scuro), buffetterie ,cintura, scarpe (terra di siena bruciato), pelle (carnicino mischiato a giallo brillante), carnicino scuro (terreno), metallo brunito (parti metalliche fucile e baionetta).Su tutta la miniatura ho quindi steso degli inchiostri (Athonian camoshade della Citadel su tutto il pezzo tranne la pelle per la quale ho invece utilizzato il Reikland Fleshshade). Nella fase successiva ho iniziato a schiarire i toni dell’uniforme utilizzando il Japan Uniform wwII della Vallejo mischiato al colore precedentemente utilizzato della Citadel, alla mistura base ho anche aggiunto un ritardante per colori acrilici questo per riuscire ad amalgamare le varie sfumature. Per il resto dell’equipaggiamento ho lumeggiato i colori base con delle tonalità più chiare e delle punte di bianco. Le ombreggiature le ho ottenute aggiungendo alle basi del grigio di Payne e del marrone scuro, per i metalli ho lumeggiato aggiungendo dell’argento brillante. Il terreno è stato dipinto sovrapponendo con la tecnica del dry brush varie tonalità di color sabbia. Alla fine per dettagliare ho incollato delle piante e delle radici autocostruite con del nastro di carta zigrinato ritagliato e poi dipinto in modo da simulare della vegetazione tropicale.

Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo

Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo

Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo

Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo

Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo

Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo

Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo

Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo

Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo

Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo

Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo

Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo

Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo

Imperial Japanese infantry,miniatura 28mm plastica Warlord Games,pittura giallinovagabondo

 

FONTI UNIFORMOLOGICHE :

 

Andrew Mollo – ” Le forze Armate della seconda guerra mondiale – uniformi ,distintivi e organizzazione” – ISTITUTO GEOGRAFICO DE AGOSTINI

Philip Jowett – The Japanese Army 1931-41 (1)  – Osprey serie Men-At-Arms 362

‘                      ‘  – The Japanese Army 1931-41 (2) –  Osprey serie Men-At-Arms 369

Gordon L.Rottman – Japanese Infantyman – Osprey serie Warrior 95

 

URL:

bbCode:

HTML:

© Плагин «Share URL».

Lascia un commento